Mons. G.Bonetti

Mons Bonetti 01

Mons. Giovanni Bonetti nacque a Mornico al Serio (Bg) il 13 febbraio1904 da papà Angelo e dalla mamma Caterina Manzoni. Il papà era panificatore e con la collaborazione della moglie gestiva anche il negozio di vendita al dettaglio. Fede, laboriosità, serenità e un pizzico di severità costituivano l’impronta del vissuto quotidiano.

Qualche anno dopo la famiglia si trasferì prima a Chiari (Bs) e successivamente a Bergamo.

Entrato nel Seminario Vescovile al termine delle scuole elementari, si fece strada nel suo animo l’ideale missionario e nel 1924 col permesso dei Superiori passò al Pontificio Missioni Estere di Milano.

Nel 1926 si ammalò e fu costretto ad abbandonare l’ideale missionario. Rientrato per qualche tempo in famiglia per le cure necessarie, nel 1928 fu poi ammesso al Diaconato e alcuni mesi dopo al Presbiterato.

La prima nomina fu a Vice–Direttore e poco dopo Direttore dell’Oratorio dell’Immacolata in Bergamo. Nel 1930 fu chiamato a far parte della Commissione vescovile per gli Oratori.

Nel 1934 la salute fu nuovamente intaccata e fu trasferito come coadiutore parrocchiale nella Parrocchia di Berzo (Bg) ed economo spirituale di Terzo, incarico meno impegnativo e in ambiente naturale particolarmente salubre.

Ristabilitosi, gli fu nuovamente affidata la pastorale in campo giovanile all’Orfanatrofio  maschile di Torre Boldone e poi a S. Paolo d’Argon.

Dal 1943 esercitò il suo ministero nella Cattedrale di Bergamo fino al 1966, quando si trasferì a Seriate nella Sede dell’Associazione Missionarie Eucaristiche a cui aveva dato inizio con Lina Agazzi, prima Responsabile.

Dal 1940 al 1965 fu insegnante di religione nella Scuola Pubblica all’Istituto Magistrale e confessore – guida spirituale in varie Comunità di vita consacrata.

Dal 1966 collaborò con il clero della Parrocchia di Seriate per il servizio pastorale nel quartiere denominato “Zona Serena”. Dopo un periodo di sofferenze per la malattia (morbo di Parkinson) che lo costrinse all’inattività.

Morì il 16 Aprile 1978. La liturgia funebre fu presieduta dal Vescovo di Bergamo Mons. Giuglio Oggioni con la presenza del Capitolo della Cattedrale - di cui era membro – e quello di numerosi ex-allievi dell’Oratorio dell’Immacolata, della Scuola Magistrale e gruppi provenienti dalle Parrocchie dove aveva esercitato il suo ministero. E’ sepolto nella Cappella dei sacerdoti del Cimitero di Seriate.

Il profilo Spirituale di Mons. Giovanni Bonetti all’insegna della Croce

“Essere  la perfetta immagine di Gesù per irradiarlo nelle anime, perché le anime hanno bisogno di vedere Dio e di possederlo; perciò lo chiedono e lo esigono dal sacerdote. Gesù vuole che mi lasci plasmare da Lui come a Lui piace, adoperare da Lui come Lui vuole. Questa plasmazione divina esige che debba accettare, senza riserva alcuna, l’annientamento nel Cristo… Fiat ! Per  la risurrezione nel Cristo a gloria del Padre “.

Queste sue parole ci introducono immediatamente in un tema dominante della spiritualità sacerdotale, quello della croce, un tema che nell’itinerario di Mons. Bonetti ebbe una risonanza profonda e continua, così da costituire uno dei “tratti” caratteristici con cui egli ha incarnato, o meglio “personalizzato” la figura del prete durante i suoi cinquant’anni di ministero.